AcquaPuglia

Home :: Acqua Puglia :: Partner

Partner

Autorità Idrica Pugliese

Attività istituzionali

La Regione Puglia, dovendo ottemperare alla Legge 26 marzo 2010 n. 42, Soppressione Autorità d'Ambito Territoriale per la gestione delle risorse idriche, ha istituito con Legge Regionale 30 maggio 2011, n. 9 e successiva modifica Legge Regionale 13 ottobre 2011, n. 27. “Modifiche alla legge regionale 30 maggio 2011, n. 9 (Istituzione dell'Autorità idrica pugliese), l’Autorità idrica pugliese, soggetto rappresentativo dei comuni pugliesi per il governo pubblico dell’acqua, con sede legale in Bari. L’Autorità, ente pubblico non economico, è dotata di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale e contabile.

Ruoli e funzioni

All’Autorità sono attribuiti tutte le funzioni e i compiti già assegnati all’Autorità d’ambito per la gestione del servizio idrico integrato della Regione Puglia (ATO Puglia), costituita in applicazione del comma 1 dell’articolo 148 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e della legge regionale 26 marzo 2007, n. 8 (Modifiche e integrazioni alla legge regionale 6 settembre 1999, n. 28 - Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali e disciplina delle forme e dei modi di cooperazione tra gli enti locali, in attuazione della legge 5 gennaio 1994, n. 36. In particolare, all’Autorità sono attribuite le seguenti funzioni:

a. l’organizzazione unitaria, nel territorio regionale, del servizio idrico integrato sulla base di criteri di efficienza ed economicità;

b. la determinazione dei livelli e degli standard di qualità e di consumo omogenei e adeguati nell’organizzazione ed erogazione del servizio idrico integrato;

c. la protezione e l’utilizzazione ottimale e compatibile delle risorse idriche destinate ad uso idropotabile;

d. l’unitarietà nel territorio regionale della regolamentazione tariffaria, della qualità delle risorse e del servizio erogato;

e. l’aggiornamento e l’attuazione del programma di investimenti per l’estensione, l’ottimizzazione e la qualificazione dei servizi, favorendo le azioni rivolte al risparmio idrico e al riutilizzo delle acque reflue;

f. l’affidamento della gestione del servizio idrico integrato;

g. l’approvazione del regolamento e della carta del servizio idrico integrato;

h. la ricognizione delle opere riguardanti il servizio idrico integrato, l’approvazione e l’aggiornamento del programma degli interventi del piano finanziario e del modello gestionale e organizzativo;

i. la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in esecuzione e con le modalità di cui agli articoli 154 e 155 del d.lgs. 152/2006;

j. l’attività di controllo e la vigilanza sui servizi di gestione, con particolare riferimento alla verifica dei livelli e degli standard dalla stessa stabiliti sulla base delle indicazioni fornite dal soggetto gestore, nonché del puntuale adempimento agli obblighi da quest’ultimo assunti con la convenzione di affidamento.

Contatti

www.aip.gov.it

 

Comune di Bari

Attività istituzionali

Il Comune di Bari è l'Ente che rappresenta la comunità dei cittadini organizzata ed ordinata sul suo territorio e ne promuove lo sviluppo; sempre nel rispetto dei principi sulla sussidiarietà, rappresenta e cura i diritti della Comunità stessa e dei Cittadini che ne fanno parte nei diversi settori: Ambiente, Arte, Cultura, Educazione, Giustizia, Igiene, Mobilità, Protezione Civile, Religione, Salute, Sicurezza, Storia, Sviluppo Economico, Territorio ed Urbanistica e ne cura gli interessi.

Ruoli e funzioni

Lo statuto stabilisce le norme fondamentali dell'organizzazione dell'Ente e in particolare specifica le attribuzioni degli organi e le forme di garanzia di partecipazione delle minoranze. Stabilisce, altresì, le forme di collaborazione fra Comuni e Province, quelle della partecipazione popolare, del decentramento, dell'accesso dei cittadini alle informazioni e ai procedimenti amministrativi, lo stemma e il gonfalone del Comune. Lo statuto comunale stabilisce i criteri per assicurare condizioni di pari opportunità tra uomini e donne e per promuovere la presenza di entrambi i sessi negli organi collegiali del Comune, nonchè nelle aziende da esso dipendenti. Lo statuto del Comune di Bari è diviso sostanzialmente in due parti: la prima tratta i principi fondamentali e riassume gli obiettivi e le finalità del Comune nell'esercizio delle funzioni istituzionali. La seconda descrive le competenze degli organi istituzionali: Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale, Consigli Circoscrizionali. L'attuale statuto del Comune di Bari è stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 21 dicembre 2000 e successivamente modificato con diverse delibere di consiglio.

 

Development Enterprise of Achaia Prefecture - NEA

Attività istituzionali

L’azienda per lo sviluppo della Prefettura di Achaia (NEA) è stata fondata il 26-5-1997 con la decisione N. 41 / '97 del Consiglio dello Sviluppo di Acaia, pubblicata nella GU della Repubblica ellenica 418/26.5. '97. Una struttura operativa flessibile permette a NEA di adattarsi costantemente alle priorità dominanti e di concentrarsi su differenti obiettivi operativi. Inoltre, il suo personale scientifico altamente qualificato le consente di attuare, in modo efficiente, molte attività diverse e dinamiche, nello stesso tempo.

Ruoli e funzioni

Svolge le sue funzioni nei seguenti ambiti:

  • Crescita della competitività delle piccole e medie imprese;
  • Miglioramento del mercato del lavoro e aiuti all'occupazione nella regione della Prefettura di Achaia;
  • Attuazione di programmi in materia di sviluppo turistico;
  • Gestione dei programmi in materia di tutela e miglioramento dell'ambiente;
  • Promozione della collaborazione fra le regioni e transfrontaliera;
  • Crescita della Società dell'Informazione;
  • Progettazione, promozione e realizzazione di iniziative di sviluppo e di investimento.
 

Patras Municipal Enterprise for Planning & Development S. A. - ADEP

Attività istituzionali

L’Azienda Municipale per la Pianificazione e lo Sviluppo di Patrasso SA (ADEP SA) è stata istituita dal Comune di Patrasso e mira a:

  • promuovere lo sviluppo sociale, economico, turistico e ambientale del Comune di Patrasso;
  • creare i presupposti per lo sfruttamento efficace delle potenzialità della Municipalità, utilizzando fonti di finanziamento nazionali ed europee.

Ruoli e funzioni

I principali obiettivi delle azioni ambientali sono:

  • La tutela e il miglioramento dell'ambiente urbano e naturale;
  • Il contributo alla gestione sostenibile delle aree urbane;
  • La promozione di equità, integrazione sociale e valorizzazione delle aree urbane degradate;
  • Il miglioramento dell'eco-efficienza nella gestione delle risorse naturali;
  • La protezione della salute pubblica dal pericolo derivante dal degrado dell'ambiente;
  • L'intensificazione degli sforzi che riguardano i cambiamenti climatici.
 

Provincia di Brindisi

Attività istituzionali

Le principali attività istituzionali sono:

  • Programmare, indirizzare e governare l’evoluzione sociale economica e culturale del territorio;
  • Garantire e tutelare i diritti fondamentali dei cittadini:
  1. Diritto al lavoro attraverso la leva fondamentale dei servizi per l’ impiego e delle politiche per il lavoro favorendo la massima occupazione possibile;
  2. Diritto all’ambiente, in relazione al peso e importanza delle funzioni ambientali della Provincia che vanno dalle azioni di monitoraggio a quelle attive di difesa del suolo, delle acque, dell’aria, della flora e della fauna;
  3. Diritto alla salute relativamente alle scelte di programmazione sanitaria, a livello nazionale e soprattutto regionale facendo valere il principio fondamentale all’universalità delle prestazioni sanitarie;
  4. Diritto all’informazione, da sempre uno degli snodi che caratterizzano le Amministrazioni democratiche, assieme al diritto all’accesso agli atti e alla trasparenza amministrativa.

Ruoli e funzioni

Ambiente e Territorio e Sviluppo Sostenibile:

  • Tutela delle acque, valorizzazione risorse idriche ed energetiche;
  • Gestione degli aspetti autorizzativi legati alle acque meteoriche;
  • Gestione degli aspetti autorizzativi connessi allo scarico sul suolo e nei corpi idrici superficiali;
  • Valorizzazione del Canale Reale, che sfocia nell'area marina protetta di Torre Guaceto, con interventi di pianificazione generale e di sistema, rinaturalizzazione, monitoraggio degli scarichi.
 

Regione Puglia

Attività istituzionali

In linea con la normativa più recente e con le prospettive del cambiamento in atto nei processi amministrativi, la Regione Puglia si pone come ente di governo che punta alla riorganizzazione strutturale della sua compagine, all’internazionalizzazione delle competenze, alla partecipazione democratica nelle scelte programmatiche, adottando strumenti che possono agevolare le condizioni di contesto necessarie all’impianto del “Sistema Puglia”.

Nel definire il Piano Regionale di Sviluppo, l’amministrazione pugliese ha fissato obiettivi ed indirizzi strategici in grado di favorire la crescita e la competitività dei settori produttivi, il potenziamento tecnologico, la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio storico-culturale.

Ruoli e funzioni

Il ruolo fondamentale della Regione è quello di favorire la crescita dello sviluppo economico regionale e raggiungere alti livelli di benessere per i cittadini e i lavoratori. Promuove la conoscenza delle attività e funzionamento dell’Ente per comunicare quanto realizzato su temi di interesse pubblico e sociale.

 

Università di Joannina

Attività istituzionali

L'Università di Joannina è stata fondata nel 1964. Nel 1970 divenne una istituzione indipendente di istruzione superiore, che è cresciuta rapidamente negli anni. Oggi, l'Università di Joannina comprende 17 dipartimenti accademici che complessivamente contano 13.523 studenti universitari. Alcuni programmi di studio post-laurea combinano elementi di insegnamento e di ricerca, sia a livello di master che di dottorato. Circa 1.300 studenti sono coinvolti in modalità di studio a tempo pieno, per un master, mentre 2.217 studenti sono impegnati con un dottorato.

Ruoli e funzioni

Gli Istituti di istruzione superiore (IIS) hanno la seguente missione:

  • Generare e facilitare la diffusione della conoscenza attraverso la ricerca e l'insegnamento e promuovere le arti;
  • Incoraggiare gli studenti a diventare cittadini responsabili con una coscienza scientifica, sociale, culturale e politica;
  • Fornire agli studenti le competenze necessarie che consentano di avere un ottimo bagaglio culturale per una carriera scientifica o professionale;
  • Soddisfare le esigenze sociali e culturali di una regione in continua evoluzione e sviluppo.

Per definizione la missione degli istituti di istruzione superiore è di contribuire al bisogno di formazione continua e permanente.